Articoli con tag Cina

L’impero di Cindia

di Stefano Boninsegni
software-engineer-indiano
Nella new economy, intesa come economia della conoscenza (Thurow), l’azienda si snellisce fino al punto di contenere esclusivamente le funzioni di ricerca, ideazione, progettazione, design. Per i mezzi di produzione vale il principio dell’outsorcing,ovvero la delocalizzazione dove il costo del lavoro è irrisorio.
Le multinazionali che sfornano prodotti tradizionali (abbigliamento, autovetture, giocattoli ecc.) si sono indirizzate in particolare verso la Cina, mentre i giganti dell’informatica hanno prescelto l’India, dove è presente una vasta manodopera qualificata nelle nuove tecnologie della comunicazione.
Oggi la Cina ha la più grande industria manifatturiera, mente l’India primeggia nel software e si è assicurata il business delle consulenze on line.
rampini - impero di cindia
Tuttavia, argomenta Rampini in questa sua penultima opera, vi sono già segnali di uno spostamento in Asia delle stesse componenti intellettuali della produzione, favorita anche dall’assenza di vincoli religiosi alla ricerca scientifica nel campo delle bio-tecnologie ( foriera di potenziali affari colossali ). Cindia dunque non significa solo Cina più India, ma il futuro centro del mondo, ovvero del capitalismo globale. E’ questa l’ipotesi centrale di un lungo e informatissimo reportage giornalistico, che non è soltanto una meticolosa ricostruzione del boom asiatico.
Leggi il seguito di questo post »

Annunci

, , , , ,

Lascia un commento

I “cancer villages” in Cina

di Laura Gardin
dal numero gennaio-febbraio 2014 di Italicum
Fabbriche-Cina

Li chiamano “cancer villages”, ovvero villaggi del cancro, e sarebbero, secondo alcune fonti, almeno 459 località sparse in tutte le province della Cina, ad eccezione di quella del Quinghai, estremo ovest del Paese e Tibet. Il termine “sarebbero” è quanto mai appropriato, poiché studi ufficiali non ce ne sono e gli unici dati disponibili sono raccolti da ONG, istituti di ricerca indipendenti e qualche media cinese: il governo, infatti, evita ostinatamente di esprimersi su qualsiasi argomento riguardante i lati negativi del prorompente sviluppo industriale, ovvero l’ipotesi che esista un legame tra inquinamento ed aumento dei casi di cancro.

Leggi il seguito di questo post »

, ,

1 Commento